Tinture vegetali

I pigmenti sono estratti da diverse piante e donano ai tessuti colorazioni uniche e irripetibili. Non sono dannose né per chi tinge, né per la terra, né per chi li indossa. Ogni colore ha una stagione. Generalmente durante i monsoni non si possono usare alcune tinture e bisogna attendere le stagioni calde e soleggiate. Una delle tinture simbolo dell’india è l’indigo, il nostro blu elettrico, il colore dei Maharaja. Alcune Organizzazioni non Governative insegnano agli agricoltori ad estrarre, da piante solitamente infestanti, pigmenti unici che diventano utili e fonte di guadagno. Unire la stampa a mano con le tinture vegetali è un’eccellenza dell’artigianato indiano.